L'origine e la tecnica delle costellazioni familiari

Riguardo a noi. Come siamo. Perché continuiamo a fare ancora e ancora ciò che ci preoccupa così tanto. Queste sono domande che sicuramente ti sei mai posto. E forse la risposta non è una.

Il modo in cui siamo e vediamo il mondo è condizionato da molti fattori che difficilmente possono essere differenziati l'uno dall'altro. La posizione sociale, le condizioni fisiche del luogo in cui viviamo fin dall'infanzia, e in particolare le relazioni che si intrecciano tra i nostri primi affetti, hanno una forte influenza sulla nostra personalità.

La famiglia , in questo senso, ha molta influenza. Dipendiamo da esso quando non possiamo usare noi stessi per nutrirci, prenderci cura di noi stessi e ottenere affetto. Ma il posto che occupiamo in esso e le relazioni che sono state articolate da quando siamo arrivati ​​al mondo, generalmente, continuano nel corso degli anni e si rivelano in altre relazioni e situazioni. Lavorare su di esso e riuscire a disarticolare quelle relazioni è la chiave per non rendere quei fattori condizionanti un ostacolo per andare avanti ed essere felici.

costellazioni familiari

Costellazioni familiari è il nome di una terapia alternativa che articola elementi di antropologia sociale, teoria sistemica e psicoanalisi, per rendere più visibili le dinamiche che hanno a che fare con la nostra storia e relazione familiare; e che si ripetono quando siamo adulti ancora e ancora. Il suo nome in tedesco significa "collocamento familiare" ed è stato strutturato e dotato di significato da Bert Hellinger, un terapeuta e filosofo tedesco.

Se dovessimo prendere la briga di rivedere tutta la nostra vita fino ad oggi, sicuramente scopriremo che ci sono alcuni modelli o strutture di comportamento e relazione con gli altri che si ripetono e che ci hanno causato sofferenza per sempre. Problemi di salute, boicottaggi, mancanza di fiducia in se stessi, insicurezze, vittimismo, sensazione di abbandono, ecc. Forse, se approfondiamo ulteriormente, scopriremo che, attraverso le generazioni, molti di questi conflitti o preoccupazioni erano anche caratteristici di altri membri della famiglia e, in qualche modo, ci sono stati trasmessi, li abbiamo memorizzati e interiorizzati.

costellare

All'interno delle Costellazioni c'è qualcosa noto come "Implicazione sistemica" .Si verifica quando una persona attribuisce (non consapevolmente) agli atteggiamenti o ai sentimenti di un antenato. Delle implicazioni ci sono due tipi:

1. Abrogazione: quando la persona si appropria del diritto o della responsabilità di un altro.

I modi in cui lo fa possono essere:

a) Identificazione: approva il posto di un altro membro della famiglia.

b) Parentificazione: i più giovani prendono il posto delle generazioni precedenti.

c) Doppio trasferimento: in questo caso il soggetto e l'oggetto vengono trasferiti, cioè una persona ha i sentimenti di una persona che era all'interno della sua famiglia e la manifesta verso qualcuno al di fuori della famiglia. Ad esempio, una donna si arrabbia con suo marito per aver trasferito la rabbia di sua nonna a suo nonno.

d) Reclamo: ha a che fare con la necessità di rendere giustizia per qualcosa che è successo a un'altra persona della famiglia.

e) Esclusione: una persona prende il diritto di un membro escluso e prende il suo posto.

2. Compensazione negativa: una persona che pone il suo destino in quello di qualche antenato. Esistono anche diversi tipi:

a) Espiazione: qualcuno affronta i problemi degli altri e li paga, ad esempio, con qualche malattia.

b) Remunerazione: distacco da una responsabilità per ottenere un beneficio, come una madre che abbandona il figlio con i nonni per ottenere la sua libertà.

Come viene creata una costellazione e cos'è?

Nelle costellazioni, lavori con i rappresentanti, in gruppo o individualmente. Chiunque stia costellando pone diverse persone nello spazio che rappresentano diversi membri della loro famiglia, tenendo conto del rapporto tra loro. Guarda e quindi può anche essere un partecipante attivo.

Coloro che rappresentano agiscono liberamente, esprimendo le emozioni che provano nel luogo e nella relazione in cui è stato collocato.

La costellatrice riconosce gli atteggiamenti dei suoi parenti, anche se quelli che li rappresentano non ne sanno nulla. Per questo motivo, si dice che non è un atto, ma una percezione che deriva dal luogo in cui si trovano.

In questo modo, la persona può rendere visibili le dinamiche di cui fa parte, l'ordine che ha occupato all'interno della famiglia, disarticolare quei legami che gli rendono difficile avvicinarsi al suo desiderio e guarire.

Inoltre, ciò che ogni persona lavora raggiunge anche, in qualche modo, l'intero circolo familiare, poiché un movimento a sua volta implica il movimento del tutto.

Articoli Correlati