Germogli: cosa sono, come realizzarli e quali sono le loro proprietà

Mangiare semi germogliati è mangiare la vita. Sta incorporando un'autentica energia vitale concentrata in tutte le cellule del corpo, promuovendo la salute e prolungando la vita. I germogli sono un dono della natura che possiamo coltivare noi stessi.

I germogli sono alimenti vivi e questo aumenta il loro valore nutrizionale, che rimane intatto fino al momento in cui viene mangiato.

La loro ricchezza di enzimi, clorofilla, aminoacidi, minerali, vitamine e oligoelementi li rende alimenti completi che aiutano a correggere le carenze del cibo moderno.

Germinando molti semi - dai cereali o dai legumi - diventano un alimento facilmente assimilabile perché rilasciano tutti i nutrienti incapsulati e migliorano il valore nutrizionale del seme stesso, della pianta o del frutto a cui avrebbe dato origine.

I germogli sono un alimento predigerito, quindi aiutano la tua digestione. Sono adatti per stomaci delicati e permettono al corpo di riposare e rigenerarsi.

germinato

Possono essere facilmente coltivati ​​e conservati in casa, quindi sono molto economici, oltre ad avere la sicurezza di consumare un prodotto che non è stato adulterato o spruzzato con insetticidi o fertilizzanti chimici, può essere fornito in qualsiasi momento dell'anno con la garanzia di che i suoi nutrienti sono di alta qualità biologica, altrimenti il ​​seme non germinerebbe.

L'intero germoglio può essere mangiato, comprese le radici e le foglie. Sono facili da preparare ed è meglio consumarli crudi , perché cucinare distrugge gran parte del loro contenuto nutrizionale. Sono consumati crudi in insalata, saltati, in tortillas o come parte di vari piatti cucinati, in questi si consiglia di aggiungerli alla fine in modo che non perdano le loro proprietà.

Il seme ha come struttura di base il germe o l'embrione e una riserva nutritiva che lo nutrirà in modo che diventi la pianta futura, il tutto coperto da una copertura protettiva che è il guscio o tegumenti.

Il germe dei semi è il rudimento di una nuova pianta, cioè in uno stato di vita latente in attesa che si manifestino condizioni adeguate; nel momento in cui compaiono, il seme inizia il processo di germinazione.

La germinazione è l'insieme dei cambiamenti che avvengono in un seme attraverso il quale l'embrione passa dalla vita latente alla vita attiva, in modo che la nuova pianta sia nata e inizi a crescere. La riserva nutrizionale in tutti i cereali e semi consiste di in proteine, carboidrati, vitamine e sali minerali.

Questi nutrienti sono richiesti dal nostro corpo per il suo corretto mantenimento e sviluppo e li forniamo attraverso il cibo: quando i semi germinano, il loro contenuto nutrizionale migliora e aumenta.

Cosa serve per germinare un seme?

germinato

Metterli in contatto con acqua , calore e ossigeno . Con questi tre elementi, gli enzimi chiamati diastasi, vengono attivati ​​e portano alle seguenti trasformazioni:

1. Assorbendo acqua, il seme raddoppia il suo volume e rompe il guscio protettivo.

2. Gli enzimi vengono attivati ​​e causano una serie di trasformazioni: •

Original text


  • Le proteine ​​complesse vengono trasformate in semplici aminoacidi, alcuni dei quali sono essenziali per l'uomo.

    • Il contenuto proteico del seme è presente nei germogli, in modo facilmente assimilabile.

      • L'amido si riduce a maltosio e destrina, zuccheri più semplici che richiedono meno sforzi dal sistema digestivo, rilasciano energia più rapidamente e producono un effetto stimolante. • Sintesi di vitamine ed enzimi ricchi •

        • Si moltiplicano le vitamine C ed E e i minerali calcio, fosforo, ferro, potassio e magnesio.

          • I grassi si trasformano in acidi grassi • Si forma clorofilla, strutturalmente molto simile all'emoglobina, come tale, trasporta ossigeno alle cellule ed è un buon agente disintossicante e rigenerante nel corpo.

            • Gli acidi e le tossine che accompagnano naturalmente il seme per la sua difesa si decompongono.

              • Il volume e il contenuto d'acqua va dal 5-12% nel seme al 70% nei germogli.

              Informazioni nutrizionali

              germinato

              Amminoacidi essenziali . I germogli, in particolare i legumi, forniscono al corpo proteine ​​complete che si trasformano negli otto aminoacidi essenziali. La mancanza di uno solo di questi composti può favorire la comparsa di allergie, debolezza, cattiva digestione, carenze immunitarie o invecchiamento precoce delle cellule.

              La vitamina C . Una delle sostanze che aumenta maggiormente a causa dell'effetto della germinazione. Germogli di grano, lenticchie, soia, ceci e fagioli sono eccellenti fonti di questa vitamina, ad esempio i semi di soia germogliati aumentano il loro contenuto di vitamina C fino al 100% e i germogli di grano del 600% in soli 5 giorni. •

              Beta caroteni (pro-vitamina A) . I germogli di erba medica, ad esempio, contengono più beta-caroteni rispetto ai pomodori o ai peperoni verdi e molti frutti. I cavoli e i germogli di pisello sono anche eccellenti fonti di questa vitamina essenziale per la crescita, lo sviluppo, la vista e il sistema riproduttivo.

              La vitamina B. La tiamina (B1), la riboflavina (B2) e la niacina (B3) sono abbondanti nei germogli di erba medica, grano, girasole, segale e sesamo. Contribuiscono al corretto funzionamento del sistema nervoso.

              Vitamina E . Questa vitamina agisce come antiossidante cellulare, è un eccellente protettore del cuore e un buon toner. Il grano germogliato aumenta fino a tre volte il suo contenuto.

              La vitamina K . Ha proprietà coagulanti, si trova nell'erba medica germogliata.

              Clorofilla . I semi germinati che sintetizzano la maggior parte della clorofilla sono il grano e l'erba medica. La clorofilla viene assorbita direttamente dal sangue attraverso il sistema linfatico, attiva il metabolismo cellulare nel flusso sanguigno, migliora la difesa, la resistenza, la capacità rigenerativa delle cellule e la respirazione, tra le altre proprietà, migliora i processi di guarigione naturali, purifica il sangue, arresta le infezioni ed equilibra il rapporto acido-base nel corpo.

              Calcio . I germogli di sesamo forniscono abbondante calcio, mandorle, girasole, erba medica e germogli di ceci sono anche eccellenti fonti di questo minerale.

              Potassio . Si trova nei germogli di mandorle, sesamo, girasole, soia e fagioli.

              Ferro . Contengono in quantità significative i germogli di erba medica, fieno greco, lenticchie, soia rossa e soia verde.

              Traccia elementi . I germogli contengono oligoelementi come iodio, zinco, selenio, silicio, cromo e cobalto. •

              Enzimi . Se consumati crudi, gli enzimi dei semi germogliati - chiamati diastasi - facilitano la digestione di fibre, proteine ​​e grassi.

              Digestivo, nutriente e ipocalorico. Forniscono pochissime calorie, ad esempio 100 g di germogli di soia equivalgono a 30 calorie.

              Germogli più consumati

              germinato

              Qualsiasi seme di legume o cereale può essere germogliato, anche se i più apprezzati per la sua tenerezza e il buon sapore sono i germogli di: legumi (fagioli verdi, soia, erba medica), cereali (grano, orzo) e anche crescione, ravanello, zucca, girasole, lino, sesamo, ecc.

              Il sapore è variabile, ad esempio quello dell'erba medica è molto piacevole, quello della senape è il più piccante e quello del grano è dolce per via dei carboidrati che contiene.

              Erba medica: completa e più consumata per il suo sapore gradevole. Contiene vitamine A, B, C, E e K, calcio, magnesio, potassio, ferro, selenio e zinco e gli aminoacidi più importanti. È rimineralizzante, combatte la fatica e la debolezza.

              Riso integrale: è ricco di vitamina B, fosforo, potassio, magnesio, sodio, calcio e silicio. Aiuta alla corretta conservazione di ossa e denti.

              Piselli: forniscono clorofilla, proteine, carboidrati, fibre, vitamina A, ferro, potassio e magnesio. •

              Farina d'avena: il seme germinato più raccomandato per disturbi nervosi, depressione e disturbi del sonno. Contiene vitamine del gruppo B ed E, proteine, carboidrati, fibre, minerali e un alto contenuto di silicio, necessario per lo sviluppo delle strutture muscolari, cerebrali e nervose.

              Crescione: molto adatto per combattere i sintomi dell'affaticamento primaverile. Alcalinizza e purifica il sangue, neutralizza le tossine in eccesso. Regola il metabolismo. È ricco di ferro, fosforo, manganese, rame, zinco, iodio, calcio e vitamine A, B2, E e C. •

              Fieno greco: detergente per sangue e reni, si consiglia di sollevare gli spiriti bassi e rafforzare il corpo. Stimolare le funzioni epatiche e digestive. Dona un piacevole odore al sudore di chi lo consuma. Contiene abbondante fosforo e ferro. •

              Ceci: ricchi di carboidrati, fibre, calcio, proteine, magnesio, potassio e vitamine A e C. Non producono gas durante la digestione.

              Lenticchie: ritardano l'invecchiamento e sono ricchi di proteine, vitamina C e ferro.

              Mais: alto contenuto di magnesio, necessario per preservare la tensione muscolare soprattutto nel tratto intestinale.

              Senape: adatto per trattare disturbi digestivi come gastrite, enterite, ecc. Ricco di vitamina C, proteine ​​e lipidi. •

              Fagioli verdi: ricchi di vitamine A, C e B. complesso •

              Semi di zucca: contengono proteine, vitamina E, fosforo, ferro e zinco.

              Semi di girasole: ricchi di proteine, grassi insaturi, vitamine B ed E, calcio, ferro, fosforo, potassio e magnesio. •

              Ravanello: contiene abbondante clorofilla, utile per combattere forti digestioni e per calmare la tosse.

              Sesamo: buona fonte di fibre, proteine, vitamine B ed E, magnesio, potassio, ferro, fosforo e calcio. •

              Grano: ricco di proteine, magnesio, fosforo e vitamine B ed E. Previene le infezioni, rimineralizza, rigenera le cellule e viene usato per trattare i disturbi nervosi.

              Proprietà

              germinato

              I germogli aiutano a prevenire le malattie o a curarle se si sono già manifestate. Si distinguono le seguenti proprietà:

              • • Favoriscono i processi di disintossicazione, purificazione ed eliminazione dei residui immagazzinati nei tessuti o nel sangue.

                • • Rafforzano il sistema immunitario.

                  • • Antiossidanti, combattono l'azione dei radicali liberi.

                    • • Stimolano le secrezioni dal pancreas.

                      • • Facilitano la digestione, attivano i processi di rigenerazione e infiammazione dell'apparato digerente, rivitalizzano i meccanismi metabolici interni.

                        • • Migliorano la funzione intestinale, alleviano la costipazione, rafforzano l'intestino e la flora intestinale, aiutano ad eliminare gas e rifiuti.

                          • • Abbassano l'indice di colesterolo.

                            • • Tonificano il sistema nervoso.

                              • • Contribuiscono al mantenimento dell'elasticità delle arterie e della vitalità del sistema ghiandolare.

                                • • Ritardano l'invecchiamento, i suoi componenti consentono alle cellule del corpo di rimanere giovani più a lungo.

                                  • • Promuovono il metabolismo grazie alla sua azione riparatrice.

                                    • • Il suo consumo è raccomandato in caso di anemia a causa della sua ricchezza di clorofilla e per le persone con uno stomaco delicato.

                                      Come germogliare

                                      Puoi imparare come eseguirli nel video e anche in questo articolo.

Articoli Correlati