La storia completa e segreta dei giardini pensili di Babilonia, la meraviglia del mondo antico

Riesci a immaginare che le forme ecologiche siano state utilizzate nella costruzione fin dai tempi antichi?

Bene, sembra così!

I giardini pensili di Babilonia sembrano essere l'esempio più chiaro che la biocostruzione esistesse già nelle origini più remote della civiltà.

Vuoi sapere tutto di questa vera meraviglia perduta? In questo post ti diremo!

[Puoi anche leggere: 5 meravigliosi edifici che sono sostenibili anche se non sembrano ]

Giardini pensili di Babilonia: una delle 7 meraviglie del mondo antico

giardini di Babilonia

Le sette meraviglie del mondo antico erano un insieme di strutture che gli Elleni credevano dovessero essere viste almeno una volta nella vita.

Attualmente, solo uno di essi è conservato: la Grande Piramide di Giza, in Egitto. La sua struttura risale a più di 4000 anni fa, ma è stata costruita in modo così perfetto che ancora oggi esiste. In effetti, è considerata l'ottava meraviglia onorifica, tra le sette meraviglie del mondo moderno.

Il resto è scomparso nel corso dei millenni trascorsi dalla sua costruzione.

Le altre sei meraviglie del mondo antico erano: il Tempio di Artemide ad Efeso, la Statua di Zeus ad Olimpia, il Mausoleo di Alicarnasso, il Colosso di Rodi, il Faro di Alessandria e i Giardini pensili di Babilonia.

Parleremo di quest'ultimo in questo articolo, perché dietro questa incredibile meraviglia del mondo ci sono molti miti e storie. Tutti meravigliosi.

Origine dei giardini pensili di Babilonia. Esistevano davvero?

giardini pensili di Babilonia

Fino a pochi anni fa, non si sapeva con certezza se esistessero effettivamente i giardini pensili di Babilonia. Alcuni storici credevano che fosse un mito semplice. Tuttavia, ricerche recenti sembrano essere più vicine a trovare prove della loro esistenza e persino a individuare il punto esatto in cui si trovavano.

Al momento, l'unica cosa che sappiamo ha a che fare con risultati scritti di epoche diverse. Pertanto, le informazioni sopravvissute fino ad oggi dicono che nel VI secolo a.C., il re Nabucodonosor II fece costruire questi giardini per la sua amata moglie.

Un'altra ipotesi è che questo re decise di creare i giardini per allietare la popolazione, che aveva subito diverse guerre durante il VII e il VI secolo a.C.

È probabile che la costruzione di questi splendidi giardini abbia anche avuto a che fare con il desiderio del re Nabucodonosor II di rendere Babilonia una delle più importanti potenze dell'antichità e con il boom economico e sociale che questa città ebbe durante il suo mandato. .

In ogni caso, questa meraviglia del mondo antico sembra essere stata estremamente importante per la gente del tempo e un'opera degna di essere ammirata.

Il giardino ecologico dell'antichità

I giardini pensili di Babylon iniziarono con una base lunga oltre 100 metri che comprendeva la vegetazione più straordinaria di quel tempo. Per anni sono stati una vera meraviglia, poiché l'acqua veniva portata dal fiume Eufrate e scorreva giorno e notte attraverso i canali confinati solo per la vegetazione.

L'intero sistema di irrigazione dei giardini pensili li ha resi l'unica meraviglia del mondo antico che presentava problemi ecologici e organici, a differenza del resto che erano statue o edifici grandi e monumentali.

[Puoi anche leggere: 5 meravigliosi edifici che sono sostenibili anche se non sembrano]

I giardini pensili non pendevano e venivano visti per miglia

giardini

I giardini pensili di Babilonia erano, quindi, una serie di strutture piramidali accanto al palazzo del re.

La verità è che il suo nome è un po 'confuso, perché in realtà questi giardini non sono appesi. L'origine del nome ha a che fare con una traduzione errata della parola greca kremastos o del latino pensilis, che parla di "distinguersi" e non di "appendere".

In realtà erano giardini che stavano diventando sempre più alti, raggiungendo fino a 90 metri di altezza secondo alcune antiche cronache.

Grazie alla sua struttura, c'erano alberi esotici che potevano essere visti dall'altra parte della città, il che promuoveva ulteriormente la fama di un potente impero circondato dalla vegetazione in un luogo in cui le condizioni erano aride e precarie.

Declino e scomparsa dei giardini pensili di Babilonia

Articoli Correlati