Qual è il miglior compost per te

Di Franco Chiaravini (@cuidaralatierra)

La conoscenza è lì, sai già come compostare o forse stai imparando. Vuoi iniziare ma hai ancora difficoltà a definire il miglior contenitore per il compost per la tua situazione. Ecco sei chiavi da tenere a mente e alcuni suggerimenti per semplificarti.

[Potrebbe interessarti anche: Suggerimenti per iniziare subito il compostaggio]

Rifiuti organici in un secchio

1. Per cosa?

Questo è il punto più importante, qual è il tuo obiettivo con il compost? Se il tuo desiderio è quello di generare terreno fertile per il tuo giardino, indipendentemente dallo spazio che hai, puoi scegliere un piccolo compost modulare, selezionare bene ciò che stai per lanciare lì e lasciare che avvenga il processo. D'altra parte, se vuoi prenderti cura di tutti i tuoi rifiuti organici, è probabile che tu abbia bisogno di un grande bidone del compost o di diverse ragazze modulari.

2. Spazio

Se hai un giardino, hai due opzioni: fallo direttamente nel terreno o in un bidone del compost.

Se scegli la prima opzione, considera che se vivi in ​​un luogo asciutto (meno del 30-40% di umidità ambientale), è meglio fare un pozzo in modo che il livello di umidità sia mantenuto durante tutto il processo. D'altra parte, se vivi in ​​climi umidi, è meglio farlo in superficie in modo che non ci siano complicazioni.

Se scegli la seconda opzione, è meglio costruire o acquistare il cestino per il compost più grande che puoi, quindi devi intervenire il meno possibile. Lo stesso vale se puoi farlo su una terrazza, poiché può avere abbastanza spazio disponibile, ma non ha pavimenti diretti.

Nel caso di un balcone, le restanti opzioni sono piccoli riscaldatori di compost modulari, come il sei verde (40L), la bussola (45L) o il progetto Cultivate. Puoi persino creare il tuo fatto in casa seguendo questo video.

3. Quantità di rifiuti organici

Se hai una dieta vegetariana o vegana, probabilmente avrai bisogno di due piccole intestazioni di compost modulari o una grande. Con la quantità di rifiuti generati, non avrai problemi a riempire 40 L di rifiuti organici in due o tre settimane. Si noti che il processo richiede tempo. Ci sono modi per accelerarlo, ma almeno il guasto più grande richiederà da 15 giorni a un mese. Trascorso questo tempo, può finire per maturare in una pentola.

Rifiuti organici in un bidone del compost

4. Tempo

Se hai poco tempo, è meglio che il compost sia il più grande possibile, in modo che venga generato un tipo di ecosistema che si autoregola e non dipende da te. D'altra parte, se hai un po 'più di tempo da dedicare ad esso, puoi avere un piccolo cestino per il compost, che guardi e mescoli di volta in volta. I più piccoli di solito richiedono un po 'più di attenzione di quelli grandi.

5. Bambini e animali

Se hai bambini in casa, è meglio che il cestino del compost sia chiuso per evitare brutti momenti. Non vogliamo che un essere così piccolo entri in contatto con l'immensità dei batteri che vi lavorano e quindi si mette una mano alla bocca. Con questo non dico che al momento non sono presenti, ma occorre prestare attenzione con l'igiene.

In un senso simile, se si hanno animali domestici, è meglio tenere chiuso il contenitore del compost per impedire loro di scavare e rimuovere l'intera pila quando non è necessario.

6. Aerazione

Ti consiglio di dare la priorità a quei compositori che hanno aerazione, poiché è importante che l'ossigeno circoli in modo che la decomposizione sia aerobica. Altrimenti, la decomposizione sarà senza ossigeno, i batteri saranno altri, genereranno un cattivo odore e un prodotto un po 'tossico per le piante del tuo giardino. Se il contenitore del compost che ottieni non ha aerazione, dovrai mescolare il contenuto ogni tanto: una settimana, quindici giorni o quando senti un odore sgradevole.

Mani della terra

In sintesi

Devi considerare per cosa stai andando a compostare, quanto spazio hai, quanti rifiuti organici produci, quanto tempo devi dedicare ad esso, presta attenzione se hai bambini o animali domestici e cerca di generare la maggior aerazione in modo da non generare cattivi odori.

Spero che tutto ciò ti aiuti a valutare il tuo contenitore per il compost attuale o a indagare quale sia il migliore per la tua situazione.

Se vuoi saperne di più sul processo di compostaggio puoi seguire il corso gratuito che ti do nel mio kit Caring for the Earth.

Articoli Correlati