Il mio animale domestico è un leone: la storia di una meravigliosa amicizia

Oggi intendiamo gli animali domestici come esseri che fanno parte della nostra famiglia, vicini quanto il resto dei membri della casa, quindi sono preziosi e insostituibili. Il film My Pet is a Lion mostra quella prima mano.

Quando Mia e la sua famiglia si trasferiscono da Londra in Sudafrica, trova la felicità che pensava fosse persa in un piccolo leone bianco. Il cucciolo, di nome Charlie, diventa presto il suo migliore amico. Quando compie 14 anni, scopre che venderanno l'animale, quindi entrambi fanno un viaggio attraverso la savana africana alla ricerca di una casa dove Charlie possa vivere in sicurezza e liberamente.

[Potresti anche essere interessato: un leone ha salvato il suo amico da essere mangiato da 20 iene e il video è diventato virale]

Il mio animale domestico è un leone che mostra la complicità tra persone e animali, dimostrando che le connessioni vanno oltre ciò che consideriamo normale e che anche con i grandi felini possiamo trovare quel legame che ci lega alla natura.

Il nastro è stato girato per tre anni in modo che i protagonisti potessero connettersi con gli animali. A quel tempo, un branco di sei leoni, tra cui Thor - che interpreta Charlie - è cresciuto insieme. Il film è stato diretto da Gilles De Maistre e interpretato da Melanie Laurent, Langley Kirkwood, Daniah De Villiers e Ryan McLennan.

"Non avrei mai immaginato di crescere con i leoni, né passare gli anni della mia adolescenza con loro. Sono onorato di aver avuto quell'esperienza che mi ha trasformato in una persona diversa", ha detto l'attrice che interpreta la protagonista, Daniah de Villiers, in dialogo con Bioguida . "Quando ho incontrato Charlie era solo un bambino. Il mio primo contatto con lui è stato magico. Era l'inizio di un'avventura che entrambi stavamo per intraprendere", ha aggiunto.

La produzione non ha mai utilizzato immagini create al computerper creare grandi felini. Gli unici che potevano interagire con gli animali erano Villiers e l'attore che interpretava suo fratello, insieme all'esperto Kevin Richardson, noto anche come "Lion Charmer". Fu lui a assicurarsi che il rapporto tra bambini e animali avvenisse continuamente in condizioni di sicurezza, rispetto e dignità.

"Kevin (Richardson) ha qualcosa di unico nel suo rapporto con i leoni. Mi ha insegnato tutto quello che so sul comportamento animale", ha detto De Villiers. Inoltre, ha spiegato che tutto si basa sul rispetto e prestando attenzione ai limiti del leone in modo da non fare nulla che possa metterlo a disagio.

Ma il ruolo di Richardson non era solo centrale nelle riprese del film. I sei leoni che hanno partecipato alle riprese rimangono insieme e vivono nel loro Santuario della vita selvaggia. Anche se non ha molto tempo libero, de Villiers riesce sempre a passare un po 'di tempo a visitare il suo amico Charlie. "Mi manca molto, è stata una parte fondamentale della mia vita", afferma.

Kevin Richardson accanto a un leone Kevin Richardson, l'incantatore di leoni.

L'attrice afferma che era necessario utilizzare animali veri nel film, poiché è ciò che attira davvero il pubblico e li avvicina a un problema di cui non sono a conoscenza. Sebbene sia una finzione per tutta la famiglia, mostra qualcosa di molto reale. La caccia agli animali selvatici per affari e sport è un problema in molti paesi. In alcuni è persino un'attività legale. De Villiers spera che questo aiuti ad aumentare la consapevolezza di ciò che sta accadendo con i leoni in Sudafrica, in modo che le persone possano agire.

Il mio animale domestico è un leone che sta facendo un ottimo tour in America Latina, dove lo hanno visto quasi 800.000 spettatori. Messico, Colombia, Bolivia ed Ecuador sono già stati rilasciati. Il film è presentato dal 6 giugno nei cinema commerciali in Argentina dal Green Film Fest. L'International Environmental Film Festival si terrà dal 29 agosto al 4 settembre a Buenos Aires

De Villiers vuole che gli spettatori si innamorino dei leoni tanto quanto lei e capiscano l'importanza di proteggerli. "Ora la responsabilità è nostra", conclude.

Articoli Correlati